SEZIONI NOTIZIE

Recoba e Amantino Mancini, il passaggio di due campioni a Venezia

di Davide Marchiol
Vedi letture
Foto

Siamo tutti blindati in casa (si spera, se siete fuori senza un motivo valido... ma cosa state facendo?!)  e parlare di futuro è da evitare. Un po' perchè qualsiasi ipotesi che possiamo darvi può essere smentita nel giro di giorni, ore, addirittura minuti in certi casi, ma anche un po' perchè, se ascoltiamo le disamine degli esperti, c'è da mettersi le mani nei capelli. Non ci resta quindi che scavare nel passato per cercare di distrarci un po' da un'emergenza che ci sta veramente bombardando la testa.

Spesso parlando di Venezia solo chi ha vissuto la realtà lagunare riesce a ricordare dettagli, partite, profili passati sotto l'arancioneroverde. Eppure, se guardiamo bene la storia, se studiamo, noteremo subito che invece la realtà lagunare, per quanto tribolata, ha vissuto anche periodi di gioia, con alcuni campioni che hanno calcato il terreno del Penzo prima di spiccare definitivamente il volo. I tifosi dei Leoni sanno benissimo che "El Chino" Recoba ha giocato in A sotto il gonfalone. Chissà se se lo ricordano tutti. Intanto però non si può non ricordare le sue gesta. Nel gennaio 1999 l'urugaiano è in fondo nelle scelte di mister Simoni prima e Lucescu poi. Il Venezia è invece in fondo alla classifica e ha un disperato bisogno di rinforzi per salvarsi. Ecco dunque che nasce un prestito che permette ai tifosi, per una volta, di sognare. La coppia Recoba-Maniero funziona alla grande e gli arancioneroverdi risalgono nella graduatoria. Da lì poi Alvaro diventerà una pedina importante per i nerazzurri e molto lo deve a quei sei mesi in Laguna.

Fortuna inversa invece ebbe un altro giocatore che avrà un futuro luminoso (come calciatore almeno), ovvero Amantino Mancini. Nel gennaio 2003 il DS della Roma Franco Baldini lo nota e lo compra dall'Atletico Mineiro. Un esterno veloce e con un ottimo senso del gol, il brasiliano però paga duramente l'adattamento all'Italia e un rapporto mai sbocciato con mister Bellotto, che lo tiene in panchina e lo usa con il contagocce. Tredici presenze in Serie B comunque arrivano, a fine anno il ragazzo rientra a Roma e Fabio Capello (non uno qualunque) decide di farlo diventare una delle ali titolari della sua Roma. Insomma, non sarà sbocciato in Laguna, ma è un altro tassello di una storia come quella del Venezia che molti ignorano, ma che in realtà andrebbe rivalorizzata.

Altre notizie
Sabato 06 giugno 2020
10:00 Focus Tacopina: "Rinaudo, Lupo e Perinetti grandi DS. Meraviglioso ricominciare" 09:00 Umana Reyer Tesseramento di Fotu legato al futuro di Austin Daye? 08:00 Primo Piano Spicchi d'Arancia sicura: "Daye ha detto no a due proposte di rinnovo"
Venerdì 05 giugno 2020
19:43 Notizie UFFICALE: arrivano le cinque sostituzioni, il comunicato 18:46 Focus Lollo: "Difficile prevedere quello che accadrà in questo finale di stagione"
PUBBLICITÀ
18:15 Notizie Lollo: ”Credo fortemente nel raggiungimento del nostro obiettivo” 18:14 Notizie Tamponi negativi. Da domani, allenamenti collettivi per la Prima Squadra 16:13 Gli ex Perinetti: "Giusto riaffermare il principio del merito sportivo" 15:47 Umana Reyer LNV - Cerella corre verso il rinnovo, Milano si allontana sempre più 14:13 Notizie CdV - Scibilia: "Stiamo studiando come adeguare il Penzo al protocollo" 10:00 Focus Mariani: "Quando ho visto la curva spaccata mi è venuto un coccolone" 09:00 Focus Mariani: "Passaggio al Padova per uno scherzo della natura" 08:00 Esclusive ESCLUSIVA - Mariani: "Voglio Venezia. Stadio e Curva, ho un sogno"
Giovedì 04 giugno 2020
21:54 Focus Capello: "Totti ispirazione. Zeman bella esperienza, ma ruolo non mio" 17:00 Focus CdV - Lupo: "Accogliamo bene quanto deciso sul calendario" 16:59 Notizie Fiocco rosa in casa di capitan Modolo: è nata Camilla 16:54 Notizie Calendario ripresa Serie B, recuperi il 17 giugno, via il 21 12:26 Focus UFFICIALE: Andrew Goudelock saluta la Reyer Venezia
Mercoledì 03 giugno 2020
18:05 Focus Talk Show - Con noi il leggendario Pedro Mariani 12:10 Focus NBA o Eurolega il futuro di Daye, solo un aumento può farlo restare